Torna all'elenco vendite Vendita revocata

Magazzino

Comune di Livorno (LI) Via dell'industria 9

Prezzo base
€ 70.000,00

Offerta minima
€ 52.500,00

Importo cauzione
10% sul prezzo offerto

Documentazione


Foto Foto Foto Foto

Dati procedura

Tribunale
Livorno
Tipologia procedura
Esecuzione Immobiliare
Ruolo procedura
N° 305 Anno 2018
Numero lotto
1
Descrizione lotto
Magazzino/deposito al piano terra.

Dati vendita

Referente vendita
Dott. Alessandro Vanni
Tipo di vendita
Asincrona
Termine presentazione offerte
23/11/2020 ore 10:00
Estensione termine gara
Qualora vengano effettuate offerte negli ultimi 15 minuti di gara, il termine di fine vendita verrà automaticamente prolungato di ulteriori 15 minuti per un numero illimitato di prolungamenti.
Cauzione
10,00% del prezzo offerto da versare mediante
  • bonifico bancario (c/c IT57T0846113900000010973742 intestato a PROCEDURA ESECUTIVA N. 305/2018 con causale: "versamento cauzione")
Firma digitale
Necessaria
Posta elettronica certificata (PEC)
Necessaria
Rilancio minimo
€ 2.000,00
Rilancio massimo
Libero

Informazioni

Attenzione: Non è dovuto alcun compenso (né a titolo di intermediazione, né per vedere l’immobile, né per ricevere istruzioni sulle modalità di presentazione dell’offerta, né a nessun altro titolo), se ci si rivolge a persone incaricate dal Tribunale (custode, professionista delegato, curatore, società incaricata di gestire la vendita).
La pubblicità relativa a questo bene immobile, venduto dal Tribunale nella procedura indicata, potrebbe essere inserita su portali immobiliari, anche da altri soggetti non incaricati dal Tribunale. Se l’interessato all’acquisto si rivolge a questi ultimi, potrebbe essergli richiesto di pagare spese o compensi di mediazione o consulenza.

Presentazione offerte

Chi vuole presentare l'offerta per la vendita telematica, può ricevere assistenza gratuita, recandosi in Tribunale, previo appuntamento, da richiedere con mail al seguente indirizzo: assistenza.astetelematiche@tribunale.livorno.it.

Si consiglia di chiedere l'appuntamento almeno 15 giorni prima della data fissata per la vendita.

Per coloro che, invece, intendessero presentare l'offerta in modo autonomo, cioè senza avvalersi del servizio di assistenza gratuita:

Si rammenta che il messaggio "l'offerta è stata inserita correttamente", ricevuto al termine della redazione dell'offerta telematica, non significa che è stata ultimata la procedura di invio dell'offerta.

Perché l'offerta sia valida, è necessario che, dopo l'apparizione del predetto messaggio, l'offerente consulti la propria casella di posta elettronica ordinaria (non certificata), verifichi che sia pervenuta dal Ministero l'offerta compilata dall'offerente, salvi sul desktop il file che ha ricevuto dal Ministero (senza aprirlo), invii il file (senza aprirlo) dal proprio indirizzo PEC e come allegato, all'indirizzo PEC del Ministero (offertapvp.dgsia@giustiziacert.it).

In ogni caso (che ci si avvalga o meno del servizio assistenza) si consiglia di non utilizzare (per la presentazione dell'offerta telematica) l'indirizzo di posta elettronica ordinaria GMAIL, perché spesso sono stati riscontrati disguidi.

Per partecipare alla vendita occorre essere registrati al servizio
ed aver letto con attenzione ed accettato il regolamento (v. allegati).

Se non sei registrato vai alla scheda di registrazione